Il ruolo dell’assistente sociale in area minori

Tutela dei minori (parte seconda)

Il principale organo competente nella tutela dei minori è il Tribunale per i minorenni che si occupa di assumere decisioni rispetto a:

  • decadenza della responsabilità genitoriale;
  • ricorsi per adottabilità;
  • allontanamento dei minori dalla famiglia;
  • affidamento dei minori ai servizi;

Il Tribunale dei minorenni possiede inoltre:

  • competenza amministrativa; può prescrivere misure rieducative per ragazzi al fine di supportare la genitorialità;
  • competenza penale per i reati commessi dai minori.

Cosa significa fare una segnalazione alla Procura per i minorenni? Significa segnalare alla Procura per i minorenni la situazione di un minore in situazione di grave pregiudizio o di rischio di grave pregiudizio.

Quando l’assistente sociale ha l’obbligo di segnalare la situazione rilevata alla Procura per i minorenni? Nei seguenti casi:

  • minore che si trovi in stato di abbandono, art. 9 L.184/83 ( e successive modificazioni -s.m.i-);
  • necessità di effettuare un allontanamento d’emergenza con collocamento in luogo sicuro del minore, art. 403 c.c.;
  • minore straniero non accompagnato (ad esclusione delle situazioni in cui al minore provveda adeguatamente un parente entro il 4°);
  • minore che si prostituisce, art. 2, L. 269/1998;
  • proroga di un affido o conclusione anticipata dell’accoglienza art. 4 comma 5 L. 184/83 s.m.i;
  • minore coinvolto in attività criminose L. 216/1991

Definizione di stato di abbandono di un minore
Lo stato di abbandono si configura in quelle situazioni in cui il minore è privato, non per causa di forza maggiore transitoria, di assistenza morale e materiale da parte degli adulti a cui è affidato.

Definizione di allontanamento d’emergenza e collocamento in luogo sicuro di un minore
Si tratta di un provvedimento previsto dal codice civile che viene attuato in condizioni di assoluta urgenza e di grave rischio per il minore quando non sono possibili altre soluzioni. I servizi sociali che si occupano del collocamento in luogo sicuro del minore devono contestualmente segnalare la situazione alla Procura della Repubblica per i minorenni. In queste situazioni è preferibile che si pensi ad inserire temporaneamente il minore in una comunità di prima accoglienza anziché predisporre un affido familiare che richiede invece di essere progettato accuratamente.

Oltre a queste specifiche situazioni, i servizi sociali sono comunque tenuti a segnalare alla Procura per i minorenni tutte quelle in cui il minore si trova in situazione di pregiudizio grave o pericolo serio di pregiudizio per cui si ritiene necessario l’intervento dell’autorità giudiziaria per incidere sulle responsabilità genitoriali.
La segnalazione dovrebbe essere accompagnata da un progetto di aiuto elaborato dall’assistente sociale per intervenire a tutela del minore.

Quando la situazione di un minore per il quale è già stato stabilito un provvedimento dal giudice si modifica è necessario che il servizio lo comunichi alla Procura della Repubblica per i minorenni al fine di modificare il provvedimento definitivo disposto precedentemente.

Di norma, prima di procedere alla segnalazione alla Procura per i minorenni, l’assistente sociale è tenuto a comunicare alla famiglia le sue preoccupazioni nei confronti del minore al fine di poterne discuterne insieme. Quando invece il comportamento dell’adulto può costituire un reato è necessario presentare la denuncia. I pubblici ufficiali e gli incaricati di pubblico servizio, infatti, hanno l’obbligo di denunciare all’autorità giudiziaria “ogni reato perseguibile d’ufficio di cui siano venuti a conoscenza nell’esercizio o a causa delle loro funzioni o del loro servizio” (art. 331 c.p.p)
Per approfondimenti relativi all’obbligo di denuncia e al reato che si configura in caso di non ottemperanza dell’obbligo vedere questo link

Qual è la differenza tra la denuncia e la segnalazione?
La denuncia è finalizzata a punire il reato commesso, la segnalazi0ne a proteggere il minore.

Riferimenti bibliografici e approfondimenti:

 

  • Linee guida e procedure di servizio sociale, M. L. Raineri;
  • Nuovo dizionario di servizio sociale, A. Campanini

Buono studio, Maria Mirabella

 

 

 

 

 

 

 

Advertisements

One thought on “Il ruolo dell’assistente sociale in area minori

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s