Come organizzare lo studio per l’esame di stato

Una delle difficoltà più grandi che ho incontrato nella preparazione dell’esame di stato di abilitazione alla professione di assistente sociale è stata l’organizzazione. Come organizzare lo studio? Quanto tempo prima è necessario iniziare a studiare? Da quali argomenti iniziare? Queste e molte altre domande cominceranno a tormentare chi si accinge a sostenere l’esame nella prossima sessione di giugno 2016.  Timbro, Panico, Paura, AnsiaDi seguito elenco alcuni punti fondamentali.

  1. Organizzazione e metodo! La preparazione per l’esame di stato di l’abilitazione alla professione differisce dallo studio di qualunque altro esame sostenuto durante l’università. Lo studio del singolo esame, infatti, prevede un programma definito e circoscritto a 2, massimo 4, libri. Lo studio per l’esame di stato è invece molto più ampio e indefinito, si conoscono solo gli argomenti su cui verteranno le prove ma non esistono indicazioni precise sui libri e sul programma d’esame. Per questo una buona organizzazione è fondamentale per non perdersi durante i mesi di studio e per non trascurare nessun argomento.
  2. Calendario di riferimento: nelle precedenti sessioni, la prima prova scritta, uguale in tutta Italia, si è sempre tenuta intorno al 20 di giugno. Un ottimo modo per organizzare lo studio è contare le settimane che vi separano da quella data e suddividere gli argomenti da affrontare per ogni settimana. Non dimenticate di riservare le ultime due settimane, circa, per un ripasso generale.
  3. Cosa studiare prima? Le prove da affrontare durante l’esame di stato sono diverse e richiedono competenze e conoscenze differenti. Il mio consiglio è quello di partire dagli argomenti meno conosciuti e procedere poi al ripasso/approfondimento di quelli su cui ci si sente più preparati. Io iniziai dagli argomenti oggetto della seconda prova molti dei quali non li avevo mai affrontati o mi erano stati solo vagamente accennati durante l’università.Qui trovate Gli argomenti dell’esame di stato 
  4. Esercitazione pratica: è utile, prima del giorno X, esercitarsi almeno 1 volta nello svolgimento delle 2 prove scritte rispettando i tempi che vi saranno concessi all’esame di stato ( da h 1,30 a 3 h max). Prefissatevi di svolgere almeno 1 traccia di prima prova e una di seconda per comprendere meglio il tipo di esercizio a cui sarete chiamati e le difficoltà che potreste incontrare.
  5. Appunti/riassunti/schemi/: se durante l’università avete studiato costruendo schemi e riassunti ben fatti, usateli! In caso contrario può essere molto utile studiare per l’esame di stato costruendo riassunti e schemi: essi saranno preziosissimi quando alla fine di questo intenso periodo di studio dovrete ripassare!


Buono studio
,
dott.ssa Maria Mirabella

           Hai apprezzato questo post? Condividilo, aiuterai altri interessati all’argomento!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s